A 10 anni dal primo rilancio di He-man (pt 2)

He-Man2002Qualche mese fa avevo scritto un primo post sull’anniversario del rilancio di He-man e dei Masters of the Universe, annunciando pinocchiescamente due post successivi sull’argomento e dandoli in arrivo a breve. Ok, la prima parte era vera e la seconda diversamente vera.

Adesso però eccoci quì con la seconda (di tre) parte dello speciale, incentrata sui cartoni animati del 2002.

La serie fu prodotta dalla Mike Young Productions e trasmessa su Cartoon Network. Ne furono prodotti un totale di 39 episodi distribuiti su due stagioni ed alla stesura dei plot parteciparono anche alcuni degli scrittori della serie classica della Flmation, fra cui Larry DiTillio.

La serie, secondo il sottoscritto, ha anche retto più che dignitosamente il passare del tempo, se non per disegni e animazione quantomeno per la storia, ancora oggi valida.

La trama riprende molti degli aspetti classici della serie Filmation, alcuni fedelmente, altri meno (ad esempio mancano alcuni di quegli aspetti magici e affascinanti come i draghi parlanti o personaggi di spessore come Granamyr).

Un chiaro omaggio al passato è presente nell’opening che, nei primi secondi, riprende direttamente quella Filmatio con il classico “Io sono Adam…”

La trama però non si svolge esclusivamente in episodi autoconclusivi, ma è oraganizzata in puntate visibili tranquillamente ognuna a sè stante, ma legate comunque da un filo conduttore che viene poi portato a termine nel season finale, chiudendo i punti rimasti in sospeso.

L’esempio più eclatante i questa organizzazione della season lo si trova nella seconda stagione, che mette un po’ da parte Skeltor e gli evil warriors per dare spazio agli Snake Men. Purtroppo la stagione è stato l’ultimo guizzo vitale della serie e le varie modifiche estetiche (l’aspetto di He-man con la nuova armatura e compagnia bella) e le novità della storia sono state il tentativo estremo di risollevare le sorti (ahimè ormai già tragiche) del cartone (oltre che della linea in generale).

Il tentativo ovviamente fallì e la stagione fu chiusa un po’ in fretta e furia.

Esistevano dei piani per una ipotetica terza stagione rimasti solo s carta, ma che ugualmente risultano interessanti.

Nella terza stagione Eternia sarebbe stata conquistata dall’atteso Hordak e dalla sua orda (che avevano già fatto una comparsata nello show in una puntata della seconda stagione in cui, tra l’altro, faceva il suo ingresso nella mitologia dei MotU anche King Grayskull) riportati su Eternia da Evil Lyn. Dominata Eternia, He-man e i MotU avrebbero assunto l’inedito ruolo di ricercati.

Al termine della stagione Skeletor sarebbe riuscito a sconfiggere Hordak, al quale doveva la vita; Man-At-Arms sarebbe stato catturato e trasformato in uno snake-men (e questo sarebbe stato sicuramente un grandissimo colpo di scena), Teela sarebbe diventata la nuova Sorceress e She-ra avrebbe fatto il suo trionfale ingresso nella serie.

Triste dirlo ma non vedremo mai niente di tutto ciò, neanche sotto forma di speciali per l’Home Video (sulle cui intenzioni di produzione era girata voce).

La serie chiuse, condannata oltre che dalle deliranti politiche della Mattel, anche da un palinsesto infelice che la vedeva trasmessa nelle prime ore del mattino dei Week-end.

In Italì la serie è stata trasmessa integralmente da Italia1 con una sigla cantata da Giorgio Vanni che (non smetterò mai di dirlo) rulla di brutto per la sua rockettosità!

E con questo è tutto.

Ci si riveder per la terza e ultima parte sui fumetti e sul videogioco.

Related posts:

  • [email protected] West

    erer

  • wallysaid

    s