Category Archives: Fumetti

Un tuffo negli 80 (pt 8) – MotU: L’inizio –

L'inizioQualche annetto fa scrissi e disegnai una storiellina di poche pagine sulle origini dei Masters of the Universe. In effetti la storia si scrisse da sola e andò così liscia nei disegni che ad un certo punto mi convinsi avesse vita propria. Boh, forse è proprio così…le storie hanno una vita propria ed esistono per conto loro…noi siamo solo i tramite, i narrastorie che loro scelgono e che  hanno il compito di diffonderle.

Mi piace pensarla così, è una visione molto romantica del processo creativo e mi piace pensare che questa storia  -di cui anche ora, a distanza di anni, sono molto orgoglioso – mi abbia scelto ed “usato” per venire alla luce. Continue reading Un tuffo negli 80 (pt 8) – MotU: L’inizio –

Un tuffo negli 80 (pt 5) – Il conte Dacula –

CountDuckulaCastL’incubo di ogni ornitologo! La creatura che neanche la mente di Bram Stoker era abbastanza perversa da concepire! Il peggior incubo di giovani vergini e di verdure e ortaggi dal succo rosso…il Conte Dacula!
Oltre che la sigla, nel caso del buon (di nome e di fatto) conte ad urlre vendetta è anche l’adattamento del nome, visto che il titolo originale della serie, Count Duckula, era un bellissimo gioco di parole fra Dracula e Duck (papero).

Appiattimenti dell’adattamento a parte ci troviamo di fronte ad uno di quei rari casi in cui il mondo dell’animazione inglese riesce a sfondare in Italia. Il cartone era prodotto dallo studio inglese Cosgrove Hall e nasce come uno spin-off del fortunato Danger Mouse. Dacula in effetti doveva essere originariamente uno dei villain del cartone e, nello specifico, era un vampiro con origini transilvaniane e con la pronunciata volontà di diventare una star della tv (caratteristica che è poi rimasta nella versione successiva del personaggio).
Continue reading Un tuffo negli 80 (pt 5) – Il conte Dacula –

Un tuffo negli 80 (pt 4) – I nostri eroi alla riscossa –

Cartoon All-Stars to the RescueNel 1990 (spero vogliate passarmi la licenza di accorpare questo articolo a quelli sugli anni 80 nonostante questo piccolo anacronismo) venne prodotto un mediometraggio a cartoni animati dalle caratteristiche abbastanza uniche dal titolo “I nostri eroi alla riscossa” (titolo originale: Cartoon All-Stars to the Rescue). Si trattava di uno speciale televisivo prodotto a scopo educativo per veicolare un messaggio di prevenzione contro la droga, in cui compaiono molti popolari personaggi degli anni 80.
È stato prodotto da McDonald’s, Walt Disney Television Animation e da Southern Star Productions, in collaborazione con la Wang Film Productions.
Questo speciale fu originariamente trasmesso il 21 aprile, in simultanea su tre fra le maggiori emitenti statunitensi: ABC, NBC, CBS, e anche su diverse altre reti indipendenti. Inoltre McDonald’s ne distribuì una edizione vhs per la visione casalinga prodotta da: Buena Vista Home Video, con inserita una sequenza introduttiva dell’allora presidente statunitense George H. W. Bush, insieme alla prima donna Barbara Bush. Continue reading Un tuffo negli 80 (pt 4) – I nostri eroi alla riscossa –

Cercasi Sabbuzzo disperatamente

 

Things to come...A parecchi mesi dall’ ultimo post sul blog mi rifaccio vivo con un carico di notizie non indifferente! 

Ebbene si, perchè il buon Sabbuzzo, nonostante tutto, in questi mesi non è decisamente rimasto con le mani in mano!
Andiamo con ordine. La prima cosa che devo segnalarvi è che adesso faccio anch’io parte di quel gruppo di valorosi e sprovveduti fumettisti che riuniscono le proprie forze sotto l’ effige della Compagnia del fumetto.
Gli amici della cumpa già fanno bella mostra di se in tantissime mostre del fumetto con le loro opere, raccolte nella rivista contenitore Lo Scarabocchio e con alcune produzioni monografiche (come Le cronache di RavenholmeBar bites) che hanno già raccolto lusinghiere recensioni su blasonate riviste come Fumo di China.
Il primo risultato tangibile di questa collaborazione si è materializzato nella mia presenza in un volume prodotto a quaranta mani ed edito appositamente per l’ edizione del 2009 del Salone del Libro avente tema egizio con titolo Scribble Scrabbles. Continue reading Cercasi Sabbuzzo disperatamente

Superman: Doomsday!

Oggi esce negli states un film che aspetto davvero con ansia: Superman: Doomsday! Il lungometraggio altro non è altro che la trasposizione in cartone della saga della morte e resurrezione di Superman.
Superman: Doomsday esce per il solo mercato dell’ home video e rappresenta un esperimento che ha lo scopo di sondare il terreno nell’ eventualità di una futura serie di film di animazione autoconclusivi sui personaggi DC. Continue reading Superman: Doomsday!

Riguardo il nuovo costume del ragno

CivilWarSpiderManA proposito del nuovo costume del ragno, e di tutto ci? che gli sta attorno, penso sia giusto riportare anche qu? un intervento che ho fatto rcentemente sul forum di Comicus .

…sono sempre stato dell’idea che il pi? delle volte non siano i personaggi a non avere pi? nulla da dire, ma gli autori a non avere idee buone.
Per come la vedo io Stracchino su Spidey era partito pure bene. Il fatto di rendere Peter pi? maturo, dandogli un lavoro da professore, Il far scoprire a zia May la sua doppia identit?, dando sia una svolta alla storia sia rendeno pi? umano un personaggio estremamente irritante come la vecchiaccia, sono cose, a mio parere, ottime.
E poi?
Dopo ci si ? persi. La saga totemica alla fine non ha portato a niente (almeno prima di the other), si ? ripescato un personaggio del passato semplicemente per raccontare una storia tirata via per i capelli e introdurre due personaggi come i figli di Gwen che, nella migliore delle ipotesi, verranno dimenticati e mai pi? nominati, un po’ come accade per il povero Ben Reilly.
Non so se dare la colpa a Stracchino o alla Marvel…molto probabilmente le responsabilit? pi? grosse di questo sfascio le ha proprio quest’ ultima.
Se si fosse lasciata carta bianca a Stracchino sulla storia dei poteri totemici e sulle sue idee originali per sins past (in cui i figli di Gwen erano veramente di Peter) forse non staremmo qu? a sputare cos? tanto fango su di lui, e , magari, le cose sarebbero diverse.

Invece il buon Ciccio Q cosa preferisce fare per Peter? Gli cambia i poteri! Cosa che di per se si sta pure facendo noiosa visto che era successo gi? nelle storie di Jenkins (su cui ? meglio non esprimersi).
E poi, per sottolineare meglio il fatto che ci? ? accaduto grazie a una storia (e quando si ? visto mai il contrario?) gli cambia anche costume!
Guardiamo in facci la realt?.
Non si ? avuto il coraggio di raccontare una vera storia su Peter. Nessuno ha osato, o gli ? stato permesso farlo di raccontarci di quest’uomo, delle sue amicizie, dei suoi parenti, delle sue avventure.
Anzi, tuttalpi? si vorrebbe cancellare il suo matrimonio per farlo tornare allo stato precedente e poter riraccontare le storie che gi? ci raccontava Stan Lee.
Ma per favore.
Perch? Peter non pu? crescere? Perch? non pu? diventare un uomo? Perch? non pu? avere figli, sviluppare nuove responsabilit??
Invece no. Si tira fuori una mega storia (anche un po’ riciclata, ma chi se ne frega, tanto serve solo a vendere di pi?, pazienza se la cosa dura solo per pochi numeri e dopo si ritorno alle solite vendite), con tragedie cambiamenti (pi? o meno improbabili) e colpi di scena finali.
Siamo tornati negli anni ’90. E dire che ero tanto felice fossero finiti. Ma chiss?, forse va bene cos?, e la gente vuole questo. Forse sono solo io a essere un po’ pi? smaliziato.

Resta il fatto che mi dispiace vedere un personaggio che potrebbe dire tanto, ristagnare nella mancanza di idee VERAMENTE nuove o VERAMENTE funzionali alle storie.