Danger Mouse – I cartoni dimenticati degli anni 80 [pt.10]

Che poi Danger Mouse in Italia più che dimenticato è proprio sconosciuto…

Eppure, nonostante il topo sguercio in Italia non abbia mai riscosso grandi successi, nel Regno Unito il suo show animato ha furoreggiato dal 1981 fino al 1992!

Protagonista dello show (prodotto da Cosgrove Hall Films, gli stessi del conte Dacula) è un topo/agente segreto che indossa una caratteristica tutina bianca con con le iniziali stampare a cacratteri cubitali sul petto (perchè ovviamente per un agente segreto l’anonimato è tutto…)

Il personaggio era ovviamente una parodia del filone spionistico british che trova in James Bond il suo massimo esponente ed il cartone era caratterizzato da quell’umorismo pungente e molto inglese che fu poi il caratteristico marchio di fabbrica della casa di produzione.

Un paio di curiosità riguardo a questo cartone sono da elencare…In primis quello di Danger Mouse è stato il primo cartone made in UK che è riuscito a sfondare il mercato TV americano (cosa non da poco se consideriamo l’immensa mole di materiale che gli USA producono per il loro mercato interno).

Secondariamente DM è stato il papà di un altro personaggio ben più noto nell’italica terra: il Conte Dacula (e ne avevo già parlato nel post dedicato al mefistotelico vampiro vegetariano)

Giusto per non smentirmi vi posto in basso l’opening del cartone (anno 1982)

Poteva forse la Marvel esimersi dal realizzare fumetti dedicati al britannico sorcio? Ovviamente no, ed infatti già in Count Duckula #3 cominciano a comparire back up stories sul topastro con tanto di inevitabile cross-over (!!!) con il conte.

In Italia, che ci crdiate o no, alcuni di questi fumetti sono stati pubblicati sulla compianta rivista “Conte Dackula, buffone della Transilvania” della Play Press (riposi in pace).

E con questo è tutto. Alla prossima!

 

Related posts:

  • SimOwen Crawford

    ne hai beccato uno che nemmeno io conoscevo.
    complimenti!!!!

  • [email protected] West

    Alla fine ci sono riuscito 🙂