Ma Superior Spider-man ti sta davvero piacendo?

SuperiorSpiderMan_14_Cover

Qualche tempo fa avevo scritto un post di apprezzamento sul lavoro svolto fino a quel momento da Dan Slott sull’ Uomo Ragno. Eravamo alla vigilia di Spider Island e di acqua da allora sotto i ponti ne è passata.

Adesso anche il ragnetto ha subito il suo bel numero di cambiamenti, così giusto per poter entrare di diritto nel turbine di novità portato da Marvel Now. Fu vera gloria?

Il cambiamento più grosso è rappresentato dall’avvicendamento di “proprietario” del corpo di Spider-man che adesso non appartiene più a Peter Parker ma che è invece mosso dalla mente di Dock Ock. O meglio dalla mente di Dock Ock che condivide i ricordi di Peter, e con essi la sua naturale propensione all’agire mosso da un innato senso di responsabilità.

Il risultato è un Uomo Ragno dai modi bruschi e dall’atteggiamento estremamente arrogante.

Questi sono i fatti. Alle conclusioni però giuro che non riesco ad arrivarci.

Di per sé l’idea la trovo deboluccia. Il cliché dello scambio di menti è vecchio ed abusato e, sulla carta, trovo che possa facilmente scivolare nella noia se tirato esageratamente per le lunghe. E l’idea che mi sono fatto è che verrà tirato per le lunghissime, giustappunto per cavalcare l’onda del cambiamento.

Ho la sensazione che sia un’idea un po’ raffazzonata e vagamente preparata in precedenza, sui cui ci si è buttati a capofitto, pompandola e sbandierandola come la trama per cui ci si preparava da mille anni o poco più.

L’altra faccia della medaglia è che Dan Slott è un venditore fottutamente bravo, che è stato in grado di tirare su prima un battage di pubblicità pazzesco grazie ad un tweet truffaldino che faceva intendere che lo Spider-man superiore fosse Miguel O’Hara (l’uomo ragno del 2099) salvo poi tornare sui suoi passi scusandosi con i lettori per poi riannunciare nuovamente che il buon Miguel tornerà effettivamente sulla serie.

Truffa o non truffa fatto è che Slott riesce a tenere le acque sempre abbastanza mosse grazie a rivoluzioni annunciate sempre con grande anticipo e ad opportuni cambi di costume (anche se il nuovo costume di spider-ock a me sembra avere più che qualcosa in comune con quello immaginato da Alex Ross per il primo film di Raimi sul ragnetto)

costume_concepts_full

 

 

Il tutto sempre nell’attesa del grannde ritorno del ragno futuribile.

Boh, fatto è che alla fine non sono riuscito a farmi un’idea chiara se la storia mi stia piacendo o meno. Vedo torbidi movimenti ma non capisco se la trama in fondo sia di mio gradimento o se più semplicemente lo svolgersi degli eventi mi stia divertendo. Per ora è solo un “vediamo cosa viene dopo”.

Ai posteri l’arduo giudizio.

Related posts: