Pensierini sul nuovo costume di He-man e sulla serie DC

He-Man's New Costume

Ho aspettato di leggere almeno un paio di numeri della nuova serie a fumetti sui Masters of the Universe della DC prima di formulare un giudizio, nella speranza di vedere una luce in fondo al tunnel. Ma, ahimè, quel che vedo all’orizzonte promette soltanto vento e tempesta e quindi vale la pena di fermarci un attimo e di fare il punto della situazione.

L’anno scorso la DC mi ha stupito annunciando una nuova mini a fumetti di He-man e compagnia. La notizia suonava succulenta anche per il nome dello scrittore, quel James Robinson che era riuscito a scrivere cose assai carine sul JSA e soprattutto su Starman.

L’entusiasmo dopo la mini scese non poco…una storia sottile sottile in cui Robinson a presto ceduto il posto ad un apparentemente inconsapevole Giffen. Il tutto condito da personaggi dimenticati per strada, incongruenze ed errori narrativi abbastanza elementari.

Poi la DC mi ristupisce con l’annuncio di una nuova serie sui MotU, facendola addirittura iniziare con il botto reinserendo Adora (e per forza di cose anche She-ra da quì a breve).

Dopo due numeri però le speranze di leggere la serie che ho sempre desiderato rasentano il suolo.

I motivi sono parecchi. Prima di tutto è palese la presenza di un’oscura regia dietro la macchina da scrivere di Giffen, che è evidentemente messo lì a mestierare su indicazioni di qualcun altro (con ogni probabilità proveniente dalle alte sfere della Mattel).

A rendere più pesante il colpo c’è il fatto che in ogni numero leggo fra le righe l’esatto opposto di quello che, per me, era lo spirito originale dei MotU: non c’è sense of wonder. Peggio, viene sbeffeggiato ad ogni numero (leggetevi i commenti di Teela su Mechaneck per capire cosa intendo…).

I personaggi poi sono “sbagliati”. Somigliano vagamente ai MotU ma non sono loro. He-man (la cui identità segreta è il segreto di Pulcinella) è un bamboccio nerboruto lontano anni luce dal condottiero che dovrebbe essere.

Teela è [email protected] tale che, ciao Mattel, hai voglia a scoprirla sempre di più come una passeggiatrice da ora tarda, con un carattere come quello ti resta zitella e ti si ficca in casa a vita.

Sorvolo per dignità poi sul destino riservato ad Orko, uno dei più grossolani passi falsi che si potesse mai fare oltre che una sonorissima c@[email protected]@

A tutto ciò si aggiunge lo splendore del nuovo costume di He-man. Guardatelo che meraviglia: un’armatura per l’uomo più forte dell’universo. Vabbè, dice, alla DC hanno finito la fantasia da un pezzo visto che sono sempre gli stessi stolti che, pensa te, hanno messo un’armatura al superroe-alieno-da-Krypton più forte fra tutti.

Ma il problema non è l’armatura in se. Il problema è che il character design è brutto e basta. Il problema è che non si è persa l’ennesima occasione per sbagliare la caratterizzazione dei personaggi. E il peggio è che per di più l’indicazione per questo cambio di rotta nel look potrebbe essere venuta dalla quanto mai accorta Mattel, da sempre imbarazzata dal vestiario barbarico di He-man.

Unica notizia vagamente positiva è l’annunciato cross-over con la Justice League.

dcu-vs-motu_1

che poi in effetti non è mica una novità che i due uomini più forti dei rispettivi universi incrociano i pugni…

scan0004

C’è di buono però che è il fatto magari è sinonimo di un interesse tutto sommato di nuovo vivo verso il Franchise.

Sperando che non riescano a non ucciderlo o snaturarlo troppo prima. O durante. O dopo. Vabbè avete capito…

Related posts: