Popples – I cartoni dimenticati degli anni 80 [pt.12]

popples

Dopo una lunga serie di articoli sui cartoni animati degli ann 80 incentratati sui cartoni pensati per i maschietti, in nome della parità e delle quote rosa oggi parliamo di un cartone (e non solo) che molte fra di voi ricorderanno: i Popples.

Si tratta di una serie composta da ben 43 episodi di 30 minuti circa l’uno prodotti dalla DIC sulla scia del successo dell’omonima linea di peluches. La serie andò in onda fra il 1986 ed il1987 e raccontava le avventure di nove popples (creature simili a degli orsetti ma dotati di coda e di orecchie simili a quelle dei Cocker, in grado di estrarre qualunque oggetto dalla tasca che hanno sulla schiena, nella quale possono persino nascondere se stessi appallottolandosi) che vivono segretamente con due fratellini umani Billy e Bonnie Wagner.

Billy e Bonnie pensano di essere gli unici bambini ad avere dei popples, finché non conoscono altri bambini del vicinato con cui vivono altri popples, i popples rock stars e i popples babies.

Gli episodi ruotano intorno ai tentativi dei bambini di nascondere l’esistenza dei popples agli adulti, o di rimettere a posto i disastri che hanno combinato.

Quì di seguito trovate l’intro italiana.

Il cartone, come dicevo, è ispirato ad un’omonima linea di pupazzi creati dalla Those Characters From Cleveland (TCFC), una compagnia sussidiaria della American Greetings. Il loro design fu realizzato da Susan Trentel, che aveva lavorato per la TCFC ed in passato aveva creato i primi prototipi peri più famosi Orsetti del cuore. Furono lanciati sul mercato circa un annetto prima del cartone,  nel 1985.

Del loro passaggio nell’italica terra ovviamente ce ne da testimonianza il Topolino dell’epoca…

20_Popples-pubblicità-topolino-1589-1590-anno-1986

Un rilancio (non troppo fortunato credo) della linea fu tentato nel 2007  e potete ammirarne le tracce sul sito ufficale.

Altra curiosità a margine. La Marvel ai tempi sappiamo già che nonne perdeva una di possibilità di produrre fumetti per la sua linea indirizzata al pubblico infantile, la Star comics. Così come per il conte Dacula, per Danger Mouse e per Alf fu quindi prodotta una serie a fumetti sui Popples che include in tutto 4 numeri (di cui vi riporto quì in basso le copertine).

Alla prossima!

Related posts: