stranger things

Stranger Things – la recensione arrivata tardi

Stranger Things è stato il fenomeno  delle ultime due stagioni televisive. Uno di quelli che salta fuori inaspettato e prende tutti di sorpresa, spiazzando pubblico e critica e generando un piccolo fenomeno di costume.

Quasi mai questi fortunati eventi televisivi riescono a sopravvivere al clamore che essi stesso hanno generato, a volte consumati dalla inevitabile mancanza di idee, a volte schiacciate dal peso delle aspettative.

Con la dovuta ovvia dose di ritardo il vostro buon [email protected], accompagnato dalla instancabile signora [email protected], si è compulsivamente pappato le due stagioni del serial ed è qui pronto a parlarne con voi. Due chiacchiere fra amici, cercando di evitare gli spoiler e astraendo il più possibile.

Salto subito al punto centrale della questione: mi è piaciuto Stranger Things? Si, molto. Vediamo il perché.

Il gioco della citazione

Come noto, Stranger Things è ambientato negli anno ’80. Lo sapete che già di suo questo per me è un valore aggiunto. Quali sono però le ovvie implicazioni di questo setting temporale? Semplice, si apre la caccia alla citazione.

Fortunatamente la serie, nonostante sia letteralmente infarcita di riferimenti al decennio di plastica (alcuni anche cronologicamente sbagliati), non cade esclusivamente nella trappolona del citazionismo. Siamo insomma fortunatamente lontani dall’ ultima incarnazione di IT, dove il citazionismo esagerato serviva solo a cercare goffamente di rendere verosimile un’ambientazione posticcia.

Le situazioni ed i personaggi sono perfettamente intercalati in un tessuto culturale e politico che non fa solamente da sfondo alla vicende ma che con essa si intreccia attivamente (ad esempio prendete il modo in Dungeons & Dragons viene usato per sviluppare spunti e sottotrame).

Inutile dire che però le citazioni più deliziose sono quelle che affondano le zampe nell’immaginario nerd cinematografico…

o nel mondo dei videogiochi e delle sale giochi (e ditemi chi di voi trenta-quarantenni da piccolo non ha vissuto una scena del genere).

La trama sottosopra

Strnager Things è incentrato su 4 ragazzini che si trovano ad avere a che fare con delle misteriose entità proveniente da una sorta di “altra dimensione” e con una ragazzina dai poteri psicocinetici. Nulla di originale direte voi. E in effetti avete ragione, le premesse non sono nulla di clamoroso.

Quello che però salta fuori sulla lunga distanza sono i personaggi, tutti ben caratterizzati e strutturati. Nella seconda stagione specialmente vengono fuori le sfaccettature dei characters secondari che assumono una importanza ed una centralità inaspettata.

Certo non mancano i buchi narrativi ma sono comunque pochi e ampiamente ripagati da uno svolgimento avvincente che cresce nella prima e, in maniera decisamente amplificata, nella seconda stagione.

Unica nota negativa a mio parere un evidentissimo anticlimax sul finale della seconda stagione che interrompe in maniera drastica ed imperdonabile il ritmo e il pathos crescente con una puntata incentrata sul personaggio di Undici, bella ma fuori luogo.

Cosa resta?

Quindi cosa rimane dopo la visione di entrambe le stagioni? La voglia di vedere la terza, ma soprattutto (cosa abbastanza rara per me) la necessità quasi fisica di saperne di più sulla produzione e sulla scrittura dei personaggi . Netflix ha sapientemente colmato anche questa richiesta del pubblico con una serie di corti documenti-interviste con attori e registi.

Ma soprattutto ti accorgi che la serie ti è entrata dentro il giorno in cui vai a comprare conla famiglia dei vestitini per la piccola [email protected] e, vedendola vestita in Salopette e camiciona a quadri, esclami in coro con la signora [email protected] e con gli occhioni a cuoricino “aaaaaawww, sembra Undi…”

Per oggi è tutto, qui [email protected], passo e chiudo.

4
Lascia un commento

avatar
 
3 Autori dei commenti
mikimozW@lly Westrikynova83 Autori dei commenti più recenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Sottoscrivi  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami

Warning: sprintf(): Too few arguments in /membri/wallysaid/wp-content/plugins/wpdiscuz/templates/comment/class.WpdiscuzWalker.php on line 189

Warning: sprintf(): Too few arguments in /membri/wallysaid/wp-content/plugins/wpdiscuz/templates/comment/class.WpdiscuzWalker.php on line 189
rikynova83 | <span class="wpdiscuz-comment-count" style="font-size:11px">17 comments</span>
Ospite
rikynova83 | 17 comments

Non sei in ritardo, io devo ancora finire la prima serie :). Ma dal mio punto di vista è mancato proprio quel meccanismo che ti porta a divorarti le puntate (preciso però che io non faccio binge watching). Poi c’è la Winona e le sue urla e i suoi pianti: purtroppo quel tipo di personaggio che mi spinge ad abbandonare la serie e a scappare il più lontano possibile. So che vado controcorrente 😀

mikimoz | <span class="wpdiscuz-comment-count" style="font-size:11px">55 comments</span>
Ospite

Io comincio a non sopportare più Undici, forse per via dell’attrice che se la tira manco fosse una diva.
Cooomunque, anche io preferisco gli anni ’80 di ST a quelli di IT, assolutamente.
La terza stagione… speriamo arrivi presto! :O

Moz-